Ingombranti

Ingombranti

Cos'è

I rifiuti ingombranti sono beni troppo voluminosi per essere conferiti in altre forme. È importante non abbandonarli. Si ricordi che: l’abbandono dei rifiuti su suolo pubblico provoca il degrado dell’ambiente e della città ed è sanzionabile per legge.

La raccolta

I rifiuti ingombranti possono essere conferiti presso le Stazioni Ecologiche oppure è possibile richiedere il ritiro gratuito a domicilio.

Le tipologie di rifiuti ingombranti che usufruiscono del servizio sono:

  • ingombranti domestici generici (mobili, sedie, poltrone, materassi, reti, tavoli);
  • apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE: elettrodomestici di grandi dimensioni: lavatrici, lavastoviglie, forni da cucina, frigoriferi, ecc.);

Per prenotare il ritiro basta chiamare il Servizio Clienti 800.999.500 attivo dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì e il sabato dalle 8 alle 13 (da cellulare 199.199.500 numero non gratuito costo come da contratto telefonico scelto dal cliente) e fissare l’appuntamento. La sera precedente il giorno indicato dall’operatore occorre depositare nei pressi dell’ingresso dell’abitazione l’oggetto ingombrante per il quale si è concordato il ritiro.

Nuova normativa per i RAEE (Rifiuti da Apparecchi Elettrici ed Elettronici)

II Decreto ministeriale 65/2010 ha introdotto nuove regole semplificate per la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee). Dal 18 giugno 2010 gli acquirenti di nuovi elettrodomestici (esempio televisori, phon, frigoriferi, telefonini, computer, lavatrici, ecc.) possono consegnare gratuitamente le proprie apparecchiature usate o non più funzionanti ai "rivenditori, installatori e centri di assistenza" a fronte dell'acquisto di un'apparecchiatura analoga.
Tali Raee saranno poi eventualmente conferiti, direttamente a cura di tali soggetti, alle stazioni ecologiche del Gruppo Hera. Rimangono comunque invariati i servizi offerti da Hera al cittadino: è possibile pertanto conferire gratuitamente tutti i Raee alle stazioni ecologiche o usufruire, per gli elettrodomestici più voluminosi, del servizio di raccolta rifiuti ingombranti a domicilio (per info numero verde 800.999.500).

Cosa conferire

  • armadi,
  • divani,
  • poltrone,
  • sedie,
  • materassi,
  • reti per il letto,
  • mobili,
  • strutture in ferro
  • assi da stiro,
  • televisori,
  • computer, stampanti, fax,
  • elettrodomestici,
  • ...

No

  • tutto ciò che può essere conferito in altro modo.

Lo sapevate che...?
Acciaio

  • E’ accertato che i primi laminati di ferro, ricoperti di stagno, erano impiegati per gli usi più vari fin dal medioevo.
  • Il primo ad intuire che l’accoppiamento tra la robustezza dell’acciaio e la duttilità e purezza dello stagno poteva garantire un’ottima conservazione dei cibi, fu un francese, Nicolas Appert, che nel 1810 brevettò un metodo di sterilizzazione sotto vuoto che prese il suo nome.
  • La produzione delle scatole di conserva si sviluppò inizialmente in Inghilterra e i primi consumatori a sperimentare con successo tale novità furono i viaggiatori, in particolare navigatori ed esploratori.
  • Il peso di 19.000 barattoli in acciaio per conserve è la quantità necessaria per produrre un'auto
  • 7 scatolette da 50 gr. potrebbero diventare 1 vassoio.
  • Con l'acciaio riciclato da 2.600.000 scatolette da 50 gr. si può realizzare 1 km. di binario ferroviario. 
  • In 8 anni, sono state recuperate oltre 2.000.000 tonnellate di acciaio; l’equivalente in peso di 200 Tour Eiffel !

Fonte: Consorzio Nazionale Acciaio

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dell'Assessorato all'Ambiente, via delle Torri, 13 - Tel. 0543 712308