Sei in: Home
 
Bando ecobonus per la sostituzione di veicoli privati inquinanti M1

  NUOVA FASE DI PRENOTAZIONE


 

La ​legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018 n. 145, articolo 1, commi da 1031 a 1042) ha introdotto e disciplinato gli ​Incentivi per l’acquisto di veicoli elettrici e non inquinanti (Ecobonus)​.
L’Agenzia delle entrate ha emanato e pubblicato una risoluzione (​la Risoluzione n. 32/E​), con cui vengono forniti chiarimenti e indicazioni e il Ministero dello Sviluppo Economico, con Decreto 20 marzo 2019, ha approvato la Disciplina applicativa dell'incentivo.
Beneficiari, iniziative ammissibili e agevolazione
Il contributo:
- consiste in uno sconto sul prezzo di acquisto;
- viene riconosciuto al soggetto acquirente unicamente in caso di acquisto (anche in locazione finanziaria) e
immatricolazione in Italia, dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021, di un ​veicolo di categoria M1 nuovo di fabbrica​, caratterizzato da basse emissioni inquinanti di CO2, inferiori a 70 g/km, con prezzo risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice inferiore a 50.000 euro (IVA esclusa);
- non può essere cumulato con altri incentivi di carattere nazionale;
- è compreso fra ​1.500 e 6.000 euro​;
- si differenzia in funzione di due fasce di emissioni di CO2 e del fatto che contestualmente all’acquisto venga o
meno consegnato un veicolo, per la rottamazione, appartenente alla medesima categoria omologato alle
classi Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4.
L’ammontare del contributo viene successivamente rimborsato al venditore da parte delle imprese costruttrici ovvero importatrici del veicolo che recuperano questo importo come credito d’imposta utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 senza applicazione dei limiti stabiliti dall’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 e dall’articolo l, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, presentando il modello F24 esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle entrate. Sono ammessi al contributo anche i ​veicoli a due ruote elettrici o ibridi nuovi di fabbrica, di potenza inferiore o uguale a 11 kW, delle categorie L1e e L3e​, acquistati, anche in locazione finanziaria, e immatricolati in Italia nell'anno 2019. A coloro che acquistano, anche in locazione finanziaria, e immatricolano in Italia un veicolo agevolabile a due ruote, qualora si consegni contestualmente per la rottamazione un veicolo immatricolato in Italia delle medesime categorie omologato alle classi Euro 0, 1, 2 di cui siano proprietari o utilizzatori, nel caso di locazione finanziaria, da almeno dodici mesi, è riconosciuto un contributo statale pari al ​30% del prezzo d'acquisto del veicolo IVA esclusa fino a un massimo di 3.000 euro. ​Anche in tal caso il contributo statale è corrisposto dal venditore all'acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto e le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l'importo del contributo e recuperano tale importo quale credito di imposta per il versamento delle ritenute dell'imposta sul reddito delle persone fisiche operate in qualità di sostituto d'imposta sui redditi da lavoro dipendente, dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, dell'imposta sul reddito delle società e dell'imposta sul valore aggiunto, dovute, anche in acconto, per l'esercizio in cui viene richiesto al pubblico registro automobilistico l'originale del certificato di proprietà e per i successivi (il credito è utilizzato in compensazione presentando il modello F24).
Procedure e termini
Il processo si compone di 4 fasi: Fase 1
I venditori:
- si registrano preventivamente nell’Area Rivenditori del sito ​https://ecobonus.mise.gov.it/area-rivenditori​;
- prenotano i contributi relativi ad ogni singolo veicolo, ottenendo, secondo la disponibilità di risorse, una
ricevuta di registrazione della prenotazione;
- confermano l’operazione entro 180 giorni dalla prenotazione, comunicando il numero di targa del veicolo
nuovo consegnato e allegando la documentazione prevista. Fase 2 - Corresponsione dei contributi
      
 Il contributo è corrisposto dal venditore all’acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto. Fase 3 - Rimborso al venditore dei contributi
Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo. Fase 4 - Recupero dell’importo del contributo
Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo ricevono dal venditore la documentazione necessaria e poi recuperano l’importo del contributo sotto forma di credito d’imposta.
 
Si comunica che è stata aperta il 18 giugno 2020 sulla piattaforma online https://ecobonus.mise.gov.it/ la nuova fase di prenotazione dei contributi per l'acquisto di veicoli nuovi a ridotte emissioni appartenenti alla categoria M1, omologati come autovettura e destinati al trasporto di persone.
A seguito delle numerose richieste che hanno determinato l'esaurimento dei primi 40 milioni di euro stanziati per il 2020, il Ministero dello Sviluppo economico ha subito disposto l'ulteriore finanziamento della misura con 20 milioni di euro.
Il fondo dedicato all'ecobonus è stato inoltre potenziato dal Decreto Rilancio con risorse pari a 100 milioni di euro per l’anno 2020 e 200 milioni per il 2021, che si aggiungono ai 70 milioni già stanziati dalla Legge bilancio 2019 per il prossimo anno.
La scadenza della nuova fase di prenotazione è stata fissata al 31 dicembre 2020.
 
Riferimenti normativi
- ECOBONUS - Decreto 20 marzo 2019
- Decreto Milleproroghe​ - DL 30 dicembre 2019 n. 162
- Decreto Crescita​ - Legge di conversione 28 giugno 2019 n. 58, art. 10 bis
- Legge di Bilancio 2019​ - Legge 30 dicembre 2018, n. 145, commi 1031-1038 e 1057-1064. - Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 32/E

Commenti a questo articolo [0]:

Commenta l'articolo:

Il servizio ambiente leggerà il Blog settimanalmente, raggrupperà le tematiche per argomento e risponderà di conseguenza.

captcha

Comune di Forlì - Piazza Saffi, 8 47121 Forlì - Tel. 0543 712111 - Partita IVA: 00606620409
Redazione a cura dell'Assessorato all'Ambiente, via delle Torri, 13 - Tel. 0543 712569